Home » La quarta cantica by Patrizia Tamà
La quarta cantica Patrizia Tamà

La quarta cantica

Patrizia Tamà

Published 2010
ISBN : 9788804602132
Hardcover
360 pages
Enter the sum

 About the Book 

Una giovane donna si aggira in stato confusionale per la stazione di Firenze. Non ricorda più nulla: chi è, come si chiama, perché è lì. Eppure non è una vagabonda qualsiasi. Lo intuisce il misterioso clochard che la soccorre, con il suo flauto dalleMoreUna giovane donna si aggira in stato confusionale per la stazione di Firenze. Non ricorda più nulla: chi è, come si chiama, perché è lì. Eppure non è una vagabonda qualsiasi. Lo intuisce il misterioso clochard che la soccorre, con il suo flauto dalle melodie esotiche, con i dolci versi che ama recitare. E se ne rendono subito conto i medici dellOspedale di Santa Maria Nuova, dove viene ricoverata. La paziente si esprime in lingue misteriose, fa strani sogni: immagini indecifrabili, scene di un amore lontano, figure che sembrano appartenere a un altro tempo, eppure incredibilmente vivide e presenti.Grazie alle cure di un medico che pareva aspettarla come un dono, comincerà presto a dissolversi la nebbia che le riempie la mente e lei vedrà a poco a poco riemergere se stessa, lidentità che credeva perduta. Scoprirà così di essere una studiosa di materie dantesche, inglese ma di origini italiane, giunta a Firenze sulle tracce di un segreto antico, che da settecento anni scorre nellombra come un fiume sotterraneo. Ricorderà di chiamarsi Beatrice.Ma le sue sono ricerche pericolose, conducono in Germania, in Turchia, e possono costare la vita, perché non è la sola a dare la caccia a una verità dirompente. Ci sono uomini mossi dal fanatismo che non si fermeranno davanti a nulla. Non esiteranno a colpire chi le è vicino, persino a uccidere, pur di strapparle quel segreto.La Grande Opera del più grande poeta, il testo più sibillino della letteratura universale, denso di significati simbolici, alchemici, profetici, potrebbe essere incompleta. Inferno, Purgatorio, Paradiso sarebbero soltanto il preludio a una conclusione ulteriore - e sconvolgente - della Divina Commedia.Davvero il Sommo Dante concepì una Quarta Cantica? E di che cosa si tratta? Davvero la occultò perché fosse consegnata ai posteri in unepoca finalmente pronta alle sue rivelazioni? E quellepoca è forse giunta?